In questo sito puoi trovare un approfondimento sul sonno dei bambini e un aiuto a superare difficoltà di addormentamento e risvegli notturni.

Ma i risvegli notturni non sono fisiologici? Certo! Ma cosa cosa significa?

Il bambino ha un sono strutturalmente diverso da quello degli adulti, è costituito da un maggior numero di fasi (quindi più frammentato) ed inoltre i bambini passano più tempo nella fase REM, ovvero di sonno “attivo”, dal quale è più facile svegliarsi.

Queste caratteristiche del sonno dei bambini fanno sì che che ci siano diversi momenti della notte in cui il bambino può potenzialmente svegliarsi poiché passa da un fase di sonno ad un’altra oppure perché si trova in una fase di sonno attivo .

Il suo sistema nervoso è infatti immaturo e, nella maggior parte dei bambini, non ha ancora “imparato” a collegare tutte le fasi di sonno.

Da cosa dipende allora il numero di risvegli notturni o la capacità di riaddormentarsi in breve tempo?

Il sonno è una funzione fisiologica del bambino, le cui caratteristiche  dipendono da diversi fattori. Sicuramente i fattori costituzionali giocano una parte, ma anche la regolazione che il bambino riceve dall’ambiente (sia fisico che relazionale) sono fondamentali.

sonno bambini e risvegli notturni

Il sonno dei bambini

baby-sleeping-830x920

La consulenza sul sonno

digital-training

Formazione