05 Giu

Disturbi del sonno in età prescolare

disturbi del sonno in età prescolare

I disturbi del sonno in età prescolare, 3-5 anni, sono il tema di un articolo apparso sull’ultimo numero di Child Adolesc Psychiatric Clin N Am.

A questa età sono prevalenti disturbi del sonno come insonnia, apnee ostruttive nel sonno, parasonnie e sindrome delle gambe senza riposo. Si tratta di disturbi che possono essere già presenti negli anni precedenti e che mantengono la stessa fenomenologia e le stesse cause. Read More

05 Giu

I neonati e i bambini fanno gli incubi?

i bambini fanno gli incubi

I bambini fanno gli incubi?

Sognare è un’attività che è presente nel bambino fin dalla sua vita intrauterina. Nei momenti di veglia i bambini (così come gli adulti) vivono delle esperienze che possono poi elaborare durante la notte, il sonno è un po’ come un apparato digestivo Read More

14 Mag

Lettino, bed-sharing o co-sleeping?

co-sleeping

Tanto si parla di dove fare dormire i bambini e ognuno porta le motivazioni a favore o contro il fare dormire il bambino con i genitori o nella sua camera, nel lettino o nel lettone. In realtà di certezze non ce n’è. E’ importante Read More

07 Gen

Lettino Montessori

lettino-montessori

La caratteristica principale del lettino Montessori è la sua funzione: quella di dare la possibilità al bambino di entrare e uscire in piena autonomia.  Questo gli dà modo di Read More

04 Ott

Sonno e allattamento

allattamento

E’ vero che i bambini allattati al seno si svegliano la notte mentre quelli allattati  artificialmente no?

No, non è vero. Ho incontrato numerose mamme, papà e bambini ed ho potuto conoscere le relazioni e le situazioni più differenti.

Ho incontrato mamme che hanno allattato al seno per il primo anno di vita e anche oltre senza che questo implicasse  una maggiore frequenza di risvegli. Allo stesso tempo si rivolgono a me molti genitori per difficoltà con i risvegli notturni e i loro bambini non prendono più il latte della moro mamma. Anche co-sleeping e bed- sharing non sono direttamente collegati alla quantità e qualità dei risvegli notturni.

Quale relazione allora tra allattamento e sonno, due temi di cui si parla molto?

Il neonato allattato al seno tende a svegliarsi con maggiore frequenza (una o due volte in più) rispetto al bambino allattato con il latte in formula, qui parliamo comunque dei primi mesi, momento in cui la mamma vive una simbiosi con il bambino e può (o dovrebbe potere …) regolare anche i suoi tempi di riposo con quelli del neonato.

Oltre il 4/6 mese il numero di risvegli non dipende direttamente dal tipo di alimentazione del piccolo ma da tanti altri fattori quali la relazione di allattamento e l’uso anche che si può fare del biberon o di altri aiuti per dormire.

Tante mamme decidono di allattare di notte perchè quello per loro è un momento magico, di intimità e accudimento, perchè quel bambino richiede proprio quel tipo di relazione oppure perchè è la mamma a proporlo. Comunque quella diade madre bambino trova il suo equilibrio nell’allattamento notturno che può essere il proseguimento di quello diurno oppure a volte un modo di incontrarsi e stare insieme quando la mamma di giorno ha lavorato. In queste situazioni le mamme, e la famiglia, trovano un buon equilibrio anche con questo cambiamento nel loro sonno.

Ci sono invece altre mamme che soffrono molto per la mancanza di sonno, su di loro il sonno interrotto incide notevolmente a livello sia di umore che di energie durante la giornata. In questo caso non è comuqnue necessario rinunciare ad allattare il proprio bambino se è ciò che si desidera, è comunque possibile proseguire l’allattamento e recuperare le ore di sonno di cui si ha bisogno separando i due momenti.

Se hai scelto e hai potuto allattare il tuo bambino al seno e vuoi ancora proseguire, non rinunciare per la mancanza di sonno, non c’è una correlazione diretta, puoi recuperare il sonno pur allattando ancora la tua bambina o il tuo bambino.

Può essere sufficiente qualche piccolo accorgimento per conciliare il bisogno di dormire della mamma  e allattamento al seno.

 

Socializza l’articolo ;)